Statistiche :
  • Nessun compleanno oggi
  • In totale c’è 1 utente connesso :: 0 iscritti, 0 nascosti e 1 ospite
  • Oggi è 21/10/2018, 16:06

Vjing concept & Business Side

ditritto d'autore & vjing

Il Vj come professione. Area economica, politica e sociale del Vjing.

Moderatori: Takehiko, Vj-Kar, [FatCat]

ditritto d'autore & vjing

Messaggioda aeronutria » 25/09/2003, 13:13

Una soluzione potrebbe essere di mantenere un layer col bollino SIAE sempre visibile sopra gli altri... :)
Scherzaparte
Quella del diritto d'autore è una questione seria per chi utilizza nel mix materiale cinematografico, documentaristico o comunque prodotto da altri.

Premetto che non sono un giurista e che come molti (penso) fatico ad interpretare il diritto, pieno com'è di rimandi ed eccezioni.
Inoltre, non credo che il vjing sia affrontato direttamente nelle normative ma se dovessero sorgere delle contestazioni verrebbe accomunato ad altre forme d'espressione.

Detto questo

segue l'idea personale che mi sono fatto sulla cosa:

--------------------------
Ci sono regole ben precise per le proiezioni nell'ambito di sale cinematografiche ma non credo riguardino il vjing.

Il vj che voglia riproporre materiale altrui dovrebbe rielaborare tale materiale sradicandolo dal contesto originale e inserendolo in uno nuovo, infondendo un nuovo significato al lavoro finito.

In questi termini e limitandosi alla proiezione e non alla registrazione su supporto fisso del materiale prodotto non si dovrebbe incorrere in guai giuridici legati al diritto d'autore.
------------------------

ribadisco che si tratta di una rielaborazione personale e sicuramente semplicistica, ma spero serva come base per l'approfondimento

passo la parola a chi ne sappia qualcosa in più
__________________________
Avatar utente
aeronutria
 
Messaggi: 136
Iscritto il: 08/09/2003, 10:59
Località: Terra

Messaggioda d4mon_82 » 06/11/2005, 23:52

peccato che da due anni a questa parte nessuno si sia interessato all'argomento, a mio parere il diritto d'autore in quanto legge deve essere conosciuta da chi fa vjing, ma purtroppo nessuno se ne cura perchè non molto sentita al momento. Per quanto riguarda la grafica pubblicitaria io so che un'immagine altrui puo essere utilizzate senza consenso o richiesta e pagamento di diritti affinche sia modificata piu del 75% non so se per i video valga la stessa cosa, cmq se si traggono parti da film di repertorio per un vj set non credo possano creare pronlemi a meno che al momento di un controllo non vi trovino nell'HD un'intera collana di film muti degli anni '30 scaricata da internet...cmq so cose fastidiose che ostentano la conoscenza l'informazione e la creatività...passeranno altri 2 anni per ottenere una risposta???
d4mon_82
 
Messaggi: 18
Iscritto il: 05/11/2005, 21:42
Località: Roma

siae e dintorni qualche delucidazione

Messaggioda mjs2020 » 16/11/2005, 17:17

Mi è capitato di aver a che fare con qualche esperto di diritto d'autore negli ultimi tempi e cerco di dare qualche informazione a riguardo.
Prendete quello che scrivo con le pinze e verificatelo con qualcuno che ne sappia qualcosa perchè potrei aver interpretato male e la siae tende a muoversi in maniera abbastanza "libera" senza delle regole fisse per cui fate attenzione!

Nell'organizzare cineforum la siae mi ha più volte detto che loro si occupano solamente della tutela della parte sonora della proiezione per cui i diritti d'autore da pagare sulle immagini non son da dare a loro ma son da concordare con il proprietario (o il suo rappresentante) delle suddette immagini. Se pertato volete usare materiale di un film distribuito da Medusa Video ad esempio dovreste fargli un colpo di telefono e chiudere un contratto con loro che vi autorizzi. La siae non vi chiederà soldi per la proiezione ma ha il diritto di verificare che tale accordo sia stato sottoscritto col proprietario delle immagini ed altrimenti ha il diritto di procedere contro di voi avvisando il proprietario delle immagini.
Ho fatto un giro di telefonate ad una decina di grossi distributori italiani (sempre per i cineforum però) e mi sembrano appartenenti ad altri tempi... alcuni distributori abbinano addirittura questo tipo di permesso all'affitto della pellicola 35mm per cui non si son ancora accorti della rivoluzione dei proiettori digitali, figuriamoci del vjing e del campionamento.

Inoltre mi è stato detto da un avvocato che si occupa di diritto d'autore che alcuni materiali di inizio secolo su cui son scaduti i diritti d'autore sono teoricamente utilizzabili ma bisogna fare attenzione ai diritti connessi. Ad esempio se comprate una VHS o un DVD di un distributore (Ad esempio Mondadori) contenente materiale di Edison, Lumiere, Melies, Vertov, i surrealisti ecc. Non avete il diritto di usarlo perchè seppur la mondadori non possegga i diritti d'autore del suddetto titolo, possiede i diritti derivati di "conversione" da pellicola a film. Per questo motivo per proiettare tale materiale dovreste comunque avere il loro permesso. A livello teorico per poter usare tali materiali liberamente o andate in una cineteca e vi fate prestare la pellicola e la riversate su video oppure vi dovete procurare il video tramite fonti che non richiedano soldi per i diritti connessi (archive.org ad esempio).

Più ho a che fare con la SIAE e connessi e più mi rendo conto che non c'è alcun senso e nessuna capacità di capire le nuove esigenze comunicative. Essere in regola non è possibile perchè le regole non le sanno manco loro che le fanno, l'unica cosa che conta è pagare il pizzo SIAE. Sicuramente Melies e Vertov ringraziano dall'oltretomba.
Avatar utente
mjs2020
 
Messaggi: 22
Iscritto il: 05/12/2003, 19:21
Località: Torino

Messaggioda Lola » 16/11/2005, 17:40

:D :D :D

la Siae... come ti capisco... io sono due anni che organizzo un Festival del Corto a Brescia e la cosa che ti fa perdere più tempo è proprio la Siae. Anche per i cortometraggi in concorso ad esempio è lo stesso più o meno del cineforum, anche se, visto che quasi nessuno è prodotto da una vera casa di produzione, quando compili i famosi borderau, uno per sera(e sempre a mano ovviamente perchè più antichi non si può!!!) ti dicono di scrivere solo il nome dell'autore, perchè paghi per la proiezione, anche se gratuita, ma per l'audio. alcuni anni fa (molto prima di fare la vj!!) mi occupavo di cinema per una discoteca che aveva proiettori etc.., io sceglievo e proiettavo film muti 'a tema' durante le serate e l'omino della siae mi diceva che senza audio non si pagava!! e mi sembrava strano!
magari ora cambieranno o hanno già cambiato qualcosa...

se però pensi che, nel 2005, in discoteca i borderau siae dei dischi devono essere compilati anche lì a mano e tutti con la stessa calligrafia...

non si sa se si (questi 4 monosillabi in fila :? ) occuperanno mai di noi!
Lola
 
Messaggi: 89
Iscritto il: 29/01/2004, 11:56
Località: Brescia

Messaggioda mjs2020 » 20/11/2005, 16:48

Figurati che in una discussione con la siae riguardo ai diritti musicali legati ad un sito ho sentito dire che internet è il male e che seppur nata con principi condivisibili ora è solo più "siti porno e siti per scambisti..."

vjing.it è troppo out! propongo immediatamente banner pornografici ed un forum per scambi di coppia tra vj!
:lol:
Avatar utente
mjs2020
 
Messaggi: 22
Iscritto il: 05/12/2003, 19:21
Località: Torino

Messaggioda zav4 » 20/11/2005, 17:00

non male come idea,.,.,.:shock:

si fanno i soldi con queste cose.,.,:shock:
e si potrebbe organizzare un festival con i ricavati :shock:
"metodici...e mi chiamo zava"
VIMEO
Vjcentral.it
zavabiz
auf dem bauernmarkt
Avatar utente
zav4
 
Messaggi: 1084
Iscritto il: 16/02/2005, 18:43
Località: München

Messaggioda pravda » 20/11/2005, 17:05

mjs2020 ha scritto:propongo immediatamente banner pornografici ed un forum per scambi di coppia tra vj!


adoro. voglio fare la mistress.
Avatar utente
pravda
 
Messaggi: 67
Iscritto il: 21/07/2004, 15:51


Torna a Vjing concept & Business Side

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron